mercoledì 30 marzo 2016

FUMETTO: Corto Maltese 03 - Samba con Tiro Fisso

uon salve a tutti quanti,
amici e visitatori dell'aNtRoDeLLoShAmAnO!

Ho inizio una serie di recensioni fumettose su un personaggio che ha fatto la storia del fumetto in Italia e mi permetto di dire, non solo: il Corto Maltese di Hugo Pratt.
La collezzione dei numeri di questo fumetto l'ho terminata almeno dieci anni fa ad un Lucca Comics and Games, ma non ho mai terminato di leggerla. Si tratta, per i più curiosi di voi, dell'edizione edita dalla Lizard Edizioni. Avete presente? Copertina completamente bianca, costola rossa nella sua parte terminale. Immagine di copertina piccola e colorata.
Con l’uscita della nuova avventura di Corto Maltese ad ottobre del 2015 (acquistata dal mio fumettaro di fiducia) mi sono deciso,  finalmente, a rileggere tutte le storie di questo fumetto, ed a condividere con voi qualche commento ed impressione.

Parliamo dunque del terzo numero di questa serie: Samba con Tiro Fisso.





In questo numero ci viene presentata Bocca Dorata che ci presenterà qualche ulteriore particolare sul passato di Corto Maltese, che ci guiderà a far la conoscenza di Tiro Fisso, che sarà la scusa, usata da Hugo Pratt, per raccontarci un’altra avventura. Ma andiamo con ordine altrimenti rischiamo di ingarbugliare il filo del destino che lega ogni cosa.

Partiamo con Bocca Dorata.

Bocca Dorata è un personaggio interessante. Viene presentata come una maga, o meglio come la maga che ha insegnato quest’arte a Morgana, insieme a Bahiannha. Viene descritta come una vecchia, dovrebbe avere ben oltre i cento anni, ma  ha l’aspetto di una giovane donna. Mistero. L'ennesimo. Bocca Dorata era anche un’amica del padre di Tristan e Morgana.
Tramite le parole di questo personaggio avvolto dal mistero veniamo a conoscenza che la mamma di Corto Maltese era una gitana, dotata di poteri anche lei, e di un uomo che veniva dalla Cornovaglia.
La donna, con la scusa di parlare da sola con Corto, gli propone una missione ben retribuita. Consegnare armi e denaro ai ribelli del Sertao, che sono sotto il dominio di un personaggio (il cattivo) conosciuto come il Colonnello.

Inizia l’avventura.

Ma prima che questa prenda l’abbrivio e ci conduca al suo culmine, vi vorrei segnalare uno scambio di battute tra il professor Steiner e Corto Maltese (C.= Corto Maltese; PS.= Professor Steiner).
C. – Bocca Dorata ha dei progetti, il colonnello i suoi ed io i miei…
PS. – Non riesco a capirti: hai degli atteggiamenti da uomo generoso… onesto… e poi, tutt’a un tratto, diventi freddo e calcolatore.
PS. – Mi sbaglierò forse. E poi non è certamente un ubriacone come me che può decidere dove si trova la verità. Ma mi dà fastidio vederti implicato in storie d’interesse… Mi sembri un tipo completamente al di fuori del calcolo… delle programmazioni… delle piccole miserie di tutti i giorni…
C. – Senti vecchio mio, da tanto tempo affronto i miei problemi da solo e ti assicuro che non ho proprio voglia di cambiare semplicemente perché il primo venuto mi consiglia di farlo…
C. – Ti ho preso con me perché eri simpatico… ma se vuoi fare della censura, cambia indirizzo… vedi, Steiner, non sono abbastanza serio per dare consigli e lo sono troppo per riceverne. Adesso non fare il bambino e lasciami vivere come voglio.

Signore e signori, amici e visitatori occasionali dell’ antro del LoShAmAnO… Corto Maltese in tutta la sua essenza! La pagina da cui è tratto questo scambio di battute, se strizzata della sua china ci regalerebbe l’essenza di questo grande protagonista del mondo del fumetto mondiale.


L’avventura prenderà poi il via nel momento in cui la Yawl di Corto viene intercettata da una cannoniera del colonnello, abbordata, liberata dai ribelli capitanati da Tiro Fisso. Tiro Fisso, in qualche modo viene convinto da Corto a prendere il posto del loro precedente capo, il redentore, morto per mano dei soldati del colonnello. La cosa porterà alla scoperta del rifugio del colonnello, all’assalto ed alla morte di Tiro Fisso. Ma subito un nuovo ribelle si fa avanti, e sarà nuovamente Corto Maltese a “incoronarlo” capo di coloro che lottano per la libertà, con lo stesso cappello di Tiro Fisso.

Ed ora... i saluti...

...al prossimo incontro...alla prossima avventura!
LoShAmAnO

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...